TERREdiLAGO

la Rete di Economia Solidale del Luinese

un progetto del GIM (Gruppo Impegno Missionario)

https://www.terredilago.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/Sito mulino a ventogk-is-113.jpglink
https://www.terredilago.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/Sito impiantigk-is-113.jpglink
https://www.terredilago.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/Sito Fiori africagk-is-113.jpglink
https://www.terredilago.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/Sito altre borsegk-is-113.jpglink
https://www.terredilago.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/Sito mercato 450x120gk-is-113.jpglink
https://www.terredilago.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/Sito frutta e verdura 450x120gk-is-113.jpglink
https://www.terredilago.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/Sito allevamentogk-is-113.jpglink
https://www.terredilago.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/Sito pane e formaggio 450x120gk-is-113.jpglink
https://www.terredilago.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/Sito cucinagk-is-113.jpglink
https://www.terredilago.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/Sito cascategk-is-113.jpglink
https://www.terredilago.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/Sito Corni e peccgk-is-113.jpglink
«
»
Loading…
Buono, equo e solidale: queste tre parole
illustrano bene il progetto TERREdiLAGO
una rete di economia solidale che unisce
Botteghe del Mondo, gruppi di acquisto solidali,
produttori locali, associazioni e cooperative sociali
al fine di promuovere giustizia sociale ed economica,
sostenibilità ambientale della produzione e consumo,
rispetto per le persone e per il loro lavoro,
attraverso il commercio,
la crescita della consapevolezza dei consumatori,
l’educazione e l’informazione.
Venerdì, 17 09 2021

Abbiamo 142 visitatori e nessun utente online

Prev Next

Si riaprono gli ordini di TERREdiLAGO

25 Ago 2021

Si riaprono gli ordini di TERREdiLAGO

TERREdiLAGO riprende l'attività di distribuzione dopo la chiusura estiva. Gli ordini potranno essere effettuati a partire da Lunedì 23 Agosto per prima consegna Sabato 4 Settembre. Le cassette di verdura  dell'Azienda Agricola Sciareda di queste settimane contengono: pomodori, peperoni, zucchine, porri, cipolle e cetrioli. Ci sono anche le pere e mele di Pinerolo unitamente ai formaggi, uova e pane.

Apriamo l'ordine mensile per la Toma Val D'Otro (Valsesia)

25 Ago 2021

Apriamo l'ordine mensile per la Toma Val D'Otro (Valsesia)

Si apre l'ordine mensile per la Toma Val D'Otro prodotta dall'azienda Agricola Cucchi Luca di Val D'Otro Alpe Weng (Valsesia - VC). E' un formaggio a lenta stagionatura dal sapore tipicamente caprino con un aroma delicato, caratterizzato da una piacevole venatura dolce. Una toma pesa circa 1250 grammi. Per ordinarli cliccate su "Ordini prodotti" e quindi su "Ordini mensili".      

UTOPIA21: inizia la pubblicazione delle notizie on-line

30 Set 2016

UTOPIA21: inizia la pubblicazione delle notizie on-line

“Utopia21” è una piccola iniziativa che vuol contribuire ad una grande sfida, la sostenibilità, riprendendo lo spirito visionario di Agenda21 per alimentare l’Utopia del XXI secolo. Dal mese di settembre 2016 inizia la pubblicazione di testi, commenti e riflessioni sui grandi temi della sostenibilità. Il sito di UTOPIA21, dove trovate gli articoli ed altre informazioni, è www.universauser.it, tasto “UTOPIA21” a fondo pagina. Buona lettura.    

 Equalafesta 2021: "Il clima siamo noi

Tanta partecipazione ai due incontri sul clima organizzati dal Tavolo per il Clima di Luino: un'esperienza innovativa e coinvolgente per affrontare la questione climatica dal basso e con i giovani.

Bella01400x300

 Sabato 28 Agosto 2021: "Abbiamo un Piano! Il PNRR come occasione imperdibile per il clima e la società"

Bella13200x300Bella12200x300Bella10200x300Paola200x300Bella08200x300Mariella200x300

Domenica800x500

 Domenica 29 Agosto 2021: "Il clima siamo noi"

Frank4800x600 Giulia600x500 MONTA1600x500

Tante persone, interessate, motivate e gioiose si sono incontrate ad Èqualafesta per raccontare quanto sia importante per loro occuparsi del nostro pianeta e di quanto l’uomo può fare e non fare per il suo clima. Due giornate, quelle del 28 e 29 agosto, trascorse in quel meraviglioso luogo che è il Boschetto di Germignaga ove dal 2012 il GIM (Gruppo Impegno Missionario) organizza la festa dell’economia solidale con momenti culturali che guardano al locale senza dimenticarsi del globale.

E quest’anno alla festa si è parlato di clima e di quanto noi ci interessiamo a questa emergenza. Nel 2019 la Rete per il Clima del Verbano, di cui la Comunità Operosa Alto Verbano è membro fondatore, ha iniziato un percorso che ha portato i giovani della Comunità Operosa e di Fridays For Future Luino a chiedere ai Comuni del territorio di dichiarare l’emergenza climatica ovvero attivarsi per definire una strategia climatica locale ed un piano di azioni per ridurre le emissioni di gas ad effetto serra. Presso il Comune di Luino è nato il Tavolo di Lavoro per il Clima, espressione dei cittadini, delle associazioni, delle scuole, del mondo produttivo e del commercio, luogo di co-progettazione in grado di indicare le priorità alle Amministrazioni Comunali ed ai cittadini sulle grandi tematiche del clima.

Il Tavolo per il Clima ha aperto Èqualafesta con una tavola rotonda sabato 28 pomeriggio ove Gianfranco Malagola, coordinatore della Comunità Operosa, ha introdotto il tema dell’incontro dando dapprima la parola al Sindaco di Germignaga, Marco Fazio, ed al vice-sindaco di Luino, Antonella Sonnessa, che hanno espresso un forte sostegno al Tavolo ed al lavoro che sta svolgendo. Per capire il contesto in cui si opera, Paola Ravelli, di Europe Direct Lombardia, ha enunciato gli obiettivi della Commissione Europea per il Clima previsti dal Next Generation EU e Fulvio Fagiani, coordinatore della Rete per il Clima del Verbano, ha illustrato il PNRR (Piano Nazionale di Resistenza e Resilienza) in relazione alle strategie climatiche locali; in particolare si cercherà di puntare su tre obiettivi: sviluppare progetti nell’ambito delle Comunità Energetiche Rinnovabili (CER), formare tecnici e volontari per un osservatorio/sportello sull’efficientamento energetico in edilizia e migliorare la capacità di monitoraggio dei consumi energetici nel territorio. Mariella Martorana ha concluso l’incontro del sabato parlando di uno dei compiti principali del Tavolo per il Clima: coinvolgere i ragazzi delle scuole superiori in un progetto per creare un Osservatorio Dati Territoriali grazie anche ad un calcolatore dell’impronta carbonica realizzato e diffuso dai ragazzi che con azioni “pear to pear” diventano i docenti dei ragazzi delle scuole primarie del territorio.

Interessante e costruttivo l’incontro della domenica 29 agosto ove Ilaria Notari, vice-presidente del Tavolo, unitamente a Sofia Focarete, presidente del Tavolo, hanno spiegato gli scopi del Tavolo per il Clima e la funzione dei quattro laboratori che ne sono nati (Energia, Mobilità, Cibo&Ambiente e Comunicazione). Il climatologo Frank Reas ci ha ricordato che siamo già in emergenza climatica e che il 6° rapporto dell’IPCC non fa altro che confermare con validità scientifica quello che la scienza già ipotizzava trent’anni fa. Unica differenza è che ora siamo vicini al punto di non ritorno.

Sono seguiti gli interventi da parte di Giulia Zhang, rappresentante del gruppo giovani del Tavolo, e di Anna Premoselli che ha raccontato la nascita e gli obiettivi del FFF di Luino, invitando altri giovani ad unirsi a loro. I quattro Laboratori del Tavolo per il Clima sono stati poi approfonditi nel dettaglio da parte dei quattro coordinatori, Silvano Premoselli per l’Energia, Giulio Aloya per la Mobilità, Rolando Saccucci per Cibo&Ambiente e Nicoletta Ruscio per la Comunicazione. I quattro coordinatori, dopo aver spiegato gli obiettivi e le prime strategie da promuovere per limitare le emissioni per ognuno dei settori individuati, hanno vivamente invitato la platea a partecipare attivamente a questi gruppi di lavoro. L’impegno dei Laboratori e quindi del Tavolo è di presentare, entro dicembre 2021, un piano d’azione per ridurre le emissioni a tutti i Comuni che hanno firmato dichiarazione di emergenza climatica.

A conclusione della giornata Giovanni Ludovico Montagnani, un giovane attivista che ha riorganizzato la sua vita e quella della sua famiglia per ridurre le proprie emissioni di gas serra, ha scosso tutti con le sue parole, dirette e chiare, sull’attivismo climatico e sulla necessità di impegnarsi per evitare che i nostri figli vivano in situazioni catastrofiche. È giunta l’ora di agire.

Per informazioni o adesioni ai Laboratori del Tavolo di Lavoro per il clima di Luino è possibile scrivere all’indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. o consultare la pagina facebook “Tavolo per il Clima Luino”.

UTOPIA21: inizia la pubblicazione delle notizie on-line

“Utopia21” è una piccola iniziativa che vuol contribuire ad una grande sfida, la sostenibilità, riprendendo lo spirito visionario di Agenda21 per alimentare l’Utopia del XXI secolo. Dal mese di settembre 2016 inizia la pubblicazione di testi, commenti e riflessioni sui grandi temi della sostenibilità. Il sito di UTOPIA21, dove trovate gli articoli ed altre informazioni, è www.universauser.it, tasto “UTOPIA21” a fondo pagina. Buona lettura.

 

 Utopia21 per link

TERREdiLAGO: la Rete di Economia Solidale del Luinese 

TERREdiLAGO è un progetto del GIM per creare una rete di economia solidale tra le realtà del luinese (botteghe del mondo, gruppi di acquisto solidale, produttori locali, cooperative sociali, associazioni, ecc.) al fine di promuovere giustizia sociale ed economica, sostenibilità ambientale della produzione e del consumo, attraverso il commercio, la crescita della consapevolezza dei consumatori, l'educazione e l'informazione. E' quindi un progetto di economia solidale che si sforza di annunciare i principi di rispetto per l'uomo e l'ambiente mediante la passione di chi crede in questi principi, puntando alla qualità delle relazioni che si creano perchè queste sono il vero risultato del progetto.

Noi di TERREdiLAGO pensiamo che la solidarietà sia un legame tra persone che si impegnano a fare cose insieme, nel rispetto della nostra carta dei principi, con un beneficio condiviso sulla base di relazioni orizzontali di collaborazione e cooperazione. Il nostro modo di fare solidarietà  non si esprime  attraverso la beneficienza e l’assistenzialismo ma attraverso la reciprocità e la gratuità nell’ottica dell’impegno comune e del lavorare insieme. A tal fine TERREdiLAGO organizza riunioni mensili per ascoltare dalla viva voce delle persone le proposte di crescita e sviluppo della rete; partecipando alle riunioni si valutano le proposte e si indirizzano le energie di tutti verso il raggiungimento dell'obiettivo comune.

Chi è interessato ad approfondire la conoscenza di TERREdiLAGO può scrivere a info@terredilago.it

 Logo terredilago 400x400 TERREdiLAGO: un percorso sulla sostenibilità del cibo nelle scuole

 Dalla realtà di TERREdiLAGO nasce la necessità di essere testimoni di uno stile di consumo consapevole: e quale modo migliore per diffondere quest'idea se non condividendola nelle scuole?
Prende vita allora un percorso formativo sulla sostenibilità del cibo. Si forma un gruppo di lavoro, un gruppo, potete immaginare, eterogeneo e vivace, che si avvale anche della collaborazione di alcuni giovani del gruppo scout di Luino.
Infine il documento sul percorso è pronto per essere sperimentato. A febbraio siamo accolti presso la Scuola SS. Maria Bambina di Roggiano: il progetto funziona, i ragazzi sono attenti e interessati, pronti a dare risposte, porre domande, stupirsi.
Stupirsi, sì. Perchè c'è di che stupirsi dalle impronte che lascia il cibo.
Quello del cibo è evidentemente un argomento che tocca corde sensibili, un bisogno primario, la sopravvivenza, è facile avere l'attenzione dei ragazzi e la collaborazione degli insegnanti ed il fatto che nel 2015 Milano ospiterà l'expo che ha come titolo: Nutrire il Pianeta, certo aiuta.
A breve dunque nuovi appuntamenti a Creva ed alle Motte di Luino con uno sconfinamento anche nella vicina Svizzera.
E allora, che impronte lasciare? Immaginiamo impronte buone, gustose, dolci o salate, fragranti e croccanti,profumate e soprattutto giuste, sane e felici.

  
 
Gli insegnanti che fossero interessati al percorso sul cibo intitolato "Un altro mondo nel piatto" possono richiedere l'intervento dei volontari del GIM inviando una mail a info@terredilago.it. La dispensa del percorso è disponibile nell'area "Documenti" del sito.
  TERREdiLAGO: anche l'energia elettrica è un bene prezioso (Fase 1 del progetto CO-Energia)

TERREdiLAGO dal novembre 2013 si è impegata nella diffusione di un nuovo modello di consumo dell'energia elettrica aprendo uno sportello CO-Energia presso la Bottega del Mondo di Germignaga. La prima fase di questo nuovo modello di consumo è il passaggio ad un venditore che garantisca la fornitura di energia elettrica al 100 % rinnovabile; ciò è già possibile grazie alla convenzione con la società TRENTA. La seconda fase punta all'autoproduzione di energia elettrica nel territorio grazie alla realizzazione di un impianto di produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile ad azionariato popolare.
Forti di queste esperienze, TERREdiLAGO ha collaborato con il DES Varese all'organizzazione di un corso di formazione per volontari delle botteghe della provincia di Varese interessati ad aprire uno sportello CO-Energia. Il corso si è tenuto presso la sede di Legambiente il 29 Marzo 2014; nell'area "Documenti" potete scaricare la dispensa del corso con tutte le informazioni sui contratti di fornitura di energia elettrica al 100% rinnovabile.
Grazie allo sportello di CO-Energia (aperto tutti i sabati mattina dalle 11.00 alle 12.00 presso la Bottega del Mondo di Germignaga) nella zona del Luinese sono già stati attivati 57 contratti di fornitura di energia elettrica al 100% rinnovabile; è questo un modo concreto per migliorare l'ambiente e ridurre l'inquinamento: ciascuno di noi lo può fare acquistando energia elettrica al 100% pulita e pagandola pure un prezzo conveniente. Per ulteriori informazioni potete inviare una mail a energia@terredilago.it

 
 
    2018 - 5° EQUOTOUR di TERREdiLAGO: una domenica di sole in una valle verdissima
 

Anche quest'anno il 5° EQUOTOUR di TERREdiLAGO è stata una vera e propria sfida alle previsioni del tempo: un centinaio di persone, sotto l'esperta guida del CAI di Luino, Domenica 27 Maggio hanno sfidato il tempo ed hanno vinto una splendida giornata di sole nelle valli della Valcuvia. Due partenze: una da Rancio Valcuvia per gli escursionisti ed una da Castello Cabiaglio per le famiglie alla ricerca dei segreti delle erbe sotto l'esperta guida di Mario Vassulli. Destinazione: la Fattoria Rancina a Castello Cabiaglio, ove tra laghetti verdeggianti e colline fiorite Antonella e Lino allevano pecore, capre e mucche producendo ottimi formaggi stagionati e freschi.

 

IMG-20180527-WA0016 500x300

  L'Equotour è una camminata per conoscere le bellezze del nostro territorio e per far conoscere i piccoli produttori locali che, nel rispetto della natura, producono ottimi formaggi in contesti ambientali caratterizzati da particolare bellezza. E la Fattoria Rancina è una conferma di tutto ciò: un'oasi di pace e di tranquillità ove anche gli animali partecipano alla bellezza del luogo.
  P5271113 500x300
 

P5270245 500x300

 

P5271095 500x300

 

Una buona polenta con formaggio e bruscitt ha consentito a tutti di pranzare all'ombra delle piante, ascoltando la musica della compagnia di musica popolare CANN CORD e PELL. E così tante persone si sono incontrate, si sono conosciute, hanno stretto amicizia in un clima di convivialità.

  P5271151 500x300
  P5270249 500x300
  P5270186 500x300
  Del resto proprio questo è lo spirito dell’EQUOTOUR: ricreare quel mondo di relazioni tra chi produce e chi consuma ricordando che ciascuno di noi, se vuole, può cambiare in meglio il mondo in cui viviamo con il semplice gesto di fare la spesa, scegliendo prodotti che rispettano l’ambiente ed il lavoro dell’uomo. Basterebbe questo per migliorare il nostro pianeta ed i suoi ospiti.

 

    2019 - 6° EQUOTOUR di TERREdiLAGO: una domenica indimenticabile
 

Come per il primo Equotour nel 2014, anche quest'anno il 6° EQUOTOUR di TERREdiLAGO è iniziato con l'incertezza del tempo: una vera e propria sfida alle previsioni meteo a cui una quarantina di persone hanno risposto con entusiasmo trovandosi nel parcheggio del Tribunale a Voldomino Inferiore. Meta: le cascate di Cittiglio e la visita all'Agriturismo SCIAREDA sotto l'esperta guida del CAI di Luino.

 

IMG-20190609-WA0003ridotta

  L'Equotour è una camminata per conoscere le bellezze del nostro territorio e per far conoscere i piccoli produttori locali che, nel rispetto della natura, producono verdure ed ottimi salami grazie al lavoro, alla tenacia ed alla passione. Stiamo parlando dell'Agriturismo SCIAREDA e della meravigiosa Marina che con i figli Matteo e Veronica lo gestisce.
  Marinaridotta
 

08ridotta

 

07ridotta

 

E dopo la visita alle cascate di Cittiglio, una vera oasi di pace, siamo stati accolti dalla cucina della Marina che ha preparato un pranzo con lasagne, formaggi, verdure e dolci, tutto con prodotti locali. E così tante persone si sono incontrate, si sono conosciute, hanno stretto amicizia in un clima di convivialità.

  04ridotto
  06ridotta
  12ridotta
  Del resto proprio questo è lo spirito dell’EQUOTOUR: ricreare quel mondo di relazioni tra chi produce e chi consuma ricordando che ciascuno di noi, se vuole, può cambiare in meglio il mondo in cui viviamo con il semplice gesto di fare la spesa, scegliendo prodotti che rispettano l’ambiente ed il lavoro dell’uomo. Basterebbe questo per migliorare il nostro pianeta ed i suoi ospiti.

 

  Logo micro-centrale completa 600x300 Progetto "Adotta una centrale": un piccolo gesto con un grande valore (Fase 2 del progetto CO-Energia)
 

Sul nostro pianeta continuiamo ad utilizzare forsennate quantità di combustibili fossili per mantenere i nostri stili di vita e questo sta creando una situazione drammatica dal punto di vista ambientale: il forte aumento avvenuto in questi ultimi decenni delle emissioni di gas ad effetto serra, causato dalla combustione dei fossili, sta determinando un eccessivo riscaldamento globale con conseguenze devastanti per tutto il pianeta (cambiamenti climatici).
In Italia la produzione di  energia elettrica, che ciascuno di noi consuma nelle nostre case, è una delle prime cause di emissione di gas ad effetto serra in quanto proviene per più del 60% dalla combustione di fossili quali il carbone, il gas ed il petrolio. Ridurre quindi il consumo di combustibili fossili è una delle azioni urgenti per salvaguardare il nostro pianeta e questa azione deve essere portata avanti qui, da noi.
Queste considerazioni sono alla base del lavoro sull’energia sviluppato da TERREdiLAGO, la Rete di Economia Solidale del Luinese, che sta proponendo nuovi modelli di gestione del bene comune “energia”, attraverso processi che coinvolgono direttamente i cittadini, i territori, le comunità locali puntando sulle energie rinnovabili.
Il progetto "Adotta una centrale" rappresenta la fase 2 del progetto CO-Energia che era partito nel novembre 2013 con la proposta del cambiamento del fornitore di energia elettrica (convenzione CO-Energia - TRENTA). Con questo progetto si intende sviluppare una produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile nel nostro territorio; g
razie alla collaborazione del Parroco di Rancio Valcuvia e della Comunità Pastorale di Canonica, Cavona, Duno, Rancio, Cassano e Ferrera, si è pensato di riattivare la micro-centrale idroelettrica di Rancio Valcuvia alimentata dal fiume Rancina.
   Stretta del ponte 500x376
 
La storia di questa micro-centrale risale al 1924 quando una donna, Giuseppina Velati, titolare dell’opificio Velati, pensò di produrre energia elettrica per i suoi macchinari utilizzando l’acqua del fiume Rancina che attraversa il paese; costruì quindi una centrale idroelettrica che fu poi dismessa negli anni ’50 dopo un’accesa diatriba con il podestà del Brinzio sul diritto di utilizzo dell’acqua. Oggi questa micro-centrale, che è in stato di abbandono e che insiste sul terreno della Parrocchia di Rancio Valcuvia, sta per essere riattivata grazie all’azionariato popolare ovvero gruppi di cittadini si riuniscono in una cooperativa e, dando ciascuno un piccolo contributo, finanziano la ricostruzione e la gestione della micro-centrale. La
Cooperativa Retenergie (www.retenergie.it), che già gestisce impianti ad energie rinnovabili basati sull’azionariato popolare, si è dichiarata disponibile a portare avanti questo progetto e, grazie alla concessione in comodato d’uso gratuito del terreno da parte della Parrocchia di Rancio, la riattivazione della micro-centrale è ormai avviata e si spera di concludere i lavori prima dell’estate.
  Simulazione centrale 400x550
 
La micro-centrale produrrà energia elettrica da fonte rinnovabile e sarà in grado di soddisfare il fabbisogno di circa 70 famiglie. Ma si può fare molto di più cercando di coinvolgere le scuole in questo progetto; infatti in collaborazione con la Biblioteca Comunale di Rancio verrà attivato un percorso didattico sull’energia che consentirà ai ragazzi delle scuole di “camminare” lungo il tragitto che fa l’acqua dall’opera di presa fino alla turbina, per capire come si trasforma l’energia, ricordando loro che l’energia più pulita è quella che non consumiamo migliorando l’efficienza energetica degli impianti e modificando i nostri stili di consumo. Crescerà così una nuova generazione di consumatori più consapevoli degli impatti ambientali del loro consumo e questo è il vero obiettivo del progetto "Adotta una centrale". Per aderire al progetto o per qualunque informazione potete inviare una mail a energia@terredilago.it

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione nel sito; maggiori informazioni li trovi nella pagina di Cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.